sequestro dpi GdF Foggia-2

PROVINCIA DI FOGGIA: GUARDIA DI FINANZA EFFETTUA DENUNCE E SEQUESTRI PER FRODE E SPECULAZIONE DI FORNITURE DI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE NEGLI OSPEDALI

FOGGIA - Dalla primavera scorsa i finanzieri del Comando provinciale di Foggia hanno avviato, sotto l’egida dell’Autorità giudiziaria, un’indagine sulle forniture dei dispositivi di protezione individuale in alcune strutture ospedaliere della Capitanata. La verifica si è recentemente conclusa con il riscontro di sei imprese che, nel periodo tra marzo e aprile, hanno rifornito i nosocomi della zona di circa 45000 mascherine per un importo complessivo, oggetto di appalti irregolari, di circa 457mila euro. Più nel dettaglio, sotto la lente d’ingrandimento del controllo da parte del Nucleo della polizia finanziaria di Foggia sono finite:

  • una società di Bari che ha fornito circa 80000 dispositivi di protezione individuale allegando una certificazione rilasciata da un istituto con sede in Brasile e non rientrante tra gli organismi riconosciuti e autorizzati dall’Unione Europea e dal Governo italiano;
  • una società di Altamura (BA) che ha fornito circa 2000 dispositivi di protezione individuale di cui in una partita di merce importata da un Paese extracomunitario per la quale l’INAIL ne aveva disposto il divieto di immissione in commercio e il conseguente ritiro dal mercato;
  • una società di Perugia che ha importato da un Paese extracomunitario e quindi immesso in commercio circa 11000 mascherine, poi cedute in difetto dell’osservanza ai requisiti di sicurezza europei e nazionali tramite l’interposizione di una società di Bari;
  • tre società di Bari protagoniste di un’oculata manovra speculativa di plurime cessioni a titolo oneroso di mascherine con un conseguente rincaro sul prezzo della merce pari all’8000%.

Denunciati pertanto 3 soggetti a piede libero a titolo di ‘speculazione su merce’ e altri 4 a vario titolo per ‘frode commerciale’ e ‘inosservanza dei requisiti essenziali di sicurezza’ per la fornitura dei d.p.i.. Inoltre, sono stati sequestrati circa un migliaio di mascherine non ancora distribuite al personale medico ed infermieristico ed un capitale di 158mila euro comprovante i profitti delle attività illecite.

Alessio Paragone

 

About Redazione AdessoilSud.it

Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>