PIC_2101

IL LUCERA CALCIO VINCE CONTRO IL TROIA, 1 A 0

TroiaLUCERA - Ancora una vittoria sofferta contro i cugini del Troia. Sofferta per aver giocato 75’ in 10 uomini. Sofferta perché oggi, la palla, non ne voleva sapere di finire in fondo alla rete del Troia. Sofferta per i 7 minuti di recupero inesistenti. Sofferta perché il calcio è imprevedibile e fino al triplice fischio non si sa mai come potrebbe finire. Un Lucera meno atletico della partita della settimana scorsa, ma giustificati per la qualificazione in Coppa, persa 1 a 0 contro il Real Zapponeta giovedì scorso. Oggi, mancava anche il faro illuminante del gioco del Lucera, Balletta, per l’espulsione di domenica scorsa. Il Lucera visto oggi è stato sfortunato ma soprattutto sprecone. Le occasioni da rete create e sciupate malamente si possono contare sulla punta delle dita delle due mani.

La cronaca: il Lucera scende in campo con il solito modulo 4-4-2; Curci in porta oggi in ordinaria amministrazione, Simone D. e Pellegrino, terzini d’ala; Di Gioia, espulso per fallo, e Bortone, ancora una volta, a fare gli straordinari; centrali: Rotondo, Ricciardi, De Rita, De Nicola a centrocampo, hanno corso a più non posso; De Paolis, centrale, a prendere tantissimi calci e Mamah a spaziare sulla destra partendo da dietro. E’ proprio al 7’, azione sulla destra, viene servita una palla in area a Mamah che si allarga sulla sinistra, finta di tirare e salta un avversario, si riporta il pallone sul piede destro e fa partire un rasoterra angolato, dove il portiere del Troia non può arrivare, è l’1 a 0. E’ un gran gol, bravissimo Mamah, è il gol della vittoria. Due minuti dopo è ancora Mamah a battere a rete di testa ma è centrale. Subito dopo è la volta di Simone, che riceve palla dopo una bellissima azione corale, e da facile occasione sulla destra in area manda fuori. Al 15’ il fallaccio, punito severamente dall’arbitro come domenica scorsa, del capitano Di Gioia, che costringe la propria squadra a giocare per 75’ in 10.

La partita si fa nervosa e in più c’è qualche fallo di troppo che l’arbitro lascia correre mentre doveva essere sanzionato. Prima della fine del primo tempo c’è ancora una bella azione conclusa fuori da De Paolis. Troia: non sono pervenute azioni. Il secondo tempo inizia con il Troia alla ricerca del pareggio ma è ancora il Lucera a farsi notare con bellissime azioni di Pellegrino e De Rita sulla destra, creando scompigli in area Troiana. È su una di queste cavalcate che Pellegrino mette a centro, dove sia De Paolis che De Rita, a un metro dalla porta, giocano a chi sbaglia il colpo di grazia. Sulla ribattuta, Bortone colpisce la traversa. Subito dopo, su punizione dal limite, Mamah fa partire un bolide che si infrange sul palo, negando la gioia del raddoppio. Cambio per un po di forze fresche; entra Santoro al posto di De Paolis ma la musica non cambia. Mamah riceve palla sulla destra si infila in area e dalla linea del limite del fondo pennella elegantemente una palla per la testa di Santoro, che deve solo appoggiarla in rete, invece va oltre la traversa. Panico al comunale, si aggira lo spettro di Frida, dea della Sfiga. Intanto, il Troia si fa più intraprendente e accumula punizioni dal limite e calci d’angolo che non destano preoccupazione a Curci che controlla con facilità. Il contropiede è affidato a Mamah e Santoro.

Al 40’, Mamah intercetta palla sulla destra, vede il portiere fuori al limite dell’area e fa partire un pallonetto di una precisione chirurgica. La palla sembra andare in porta con facilità, tutto lo stadio in piede aspettando di esultare ancora pochi e interminabili secondi. Dispettosa, appostata, c’è Frida, che fa rimpallare la palla sulla faccia interna della traversa e si allontana sghignazzando. Ancora Mamah, sulla destra, manda a rete Santoro che si fa anticipare dal difensore troiano. Ultimi minuti con il Troia all’attacco per cercare un pareggio immeritato. Il fischio finale libera tutti da questa bellissima ma angosciante vittoria. Il miglior in campo Kennet Mamah la “pantera nera” per le sue geniali giocate e per la sua timida ed educata compostezza, anche quando subisce falli cattivi. Per il resto, oggi ragazzi, abbiamo rischiato l’infarto; per piacere, la prossima volta siate più concreti. Ottimo il lavoro del mister Di Flumeri, che annovera per adesso due vittorie in campionato e una mezza qualificazione in semifinale di Coppa Puglia. Forza Lucera e forza ragazzi.

Il montaggio delle azioni più belle della partita sono dello scatenato, vigoroso, inesausto e sofferente tifoso Davide Pellegrino.

Redazione Sport

LUCERA CALCIO : 1 Curci, 2 Simone D. , 3 Pellegrino, 4 Rotondo, 5 Di Gioia, 6 Bortone, 7 De Nicola, 8 Ricciardi, 9  De Paolis, 10 De Rita, 20 Mamah.

A disposizione: 12 Graziano, 13 Franchino, 14 Conticelli, 15 Catano, 16 Giordano, 17 Disciglio, 11 Simone G., 18 Santoro.

All. Di Flumeri

 

TROIA - 1 Stango, 2 Di Gennaro, 3 Savino, 4 Berardi, 5 Tozzi, 6 Favulli, 7 Piscopo , 8 Stango M., 9 Ceglia, 10 Recchia, 11 La Grasta

A disposizione:  12 Moffa, 13 Armillotta, 14 Salandra, 15 Tricarico, 16 De Biase, 17 Danese, 18 Ciccarelli.

All. Di Franco

Campionato di Prima Categoria 2019-2020, Girone A


Risultati della XXI giornata (16.02.2020)

DOM. 16 FEBBRAIO ORE 15:00

Atletico Acquaviva  - Stornarella Calcio 6-1

Audace Cagnano - Virtus San Ferdinando 1-1

Foggia Incedit - Virtus Andria 5-1

Lucera Calcio – Troia 1-0 

Real San Giovanni - Soccer Modugno 2-0

Real Sannicandro - Football Acquaviva 2-3

Real Zapponeta - Virtus Molfetta 2-3

DOM. 16 FEBBRAIO ORE 17:30

Ideale Bari - Nuova Daunia Foggia 1-1

Classifica

Foggia Incedit 55

Atletico Acquaviva 48

Lucera Calcio 45

Football Acquaviva 38

Soccer Modugno 34

Ideale Bari 32

Virtus San Ferdinando 30

Real San Giovanni 29

Real Zapponeta 26

Troia 24

Audace Cagnano 24

Virtus Molfetta 22

Nuova Daunia Foggia 18

Real Sannicandro 17

Virtus Andria 15

Stornarella Calcio 13

About Redazione AdessoilSud.it

Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>