PIC_2003

L’AVV. DONATO GRASSO: PRECISAZIONI IN ORDINE AI DATI FORNITI DAL SINDACO ANTONIO TUTOLO

DonatoRiceviamo dall’ Avv. Donato Grasso e pubblichiamo

LUCERA - «Preliminarmente ritengo doveroso ringraziare il sig. Sindaco, giacché senza il suo operato (cd. piano di riequilibrio finanziario), ad oggi, probabilmente sarei ancora in attesa di ricevere il pagamento delle parcelle relative alle cause da me patrocinate in difesa del Comune di Lucera in oltre 20 anni di attività professionale.
Infatti, pur avendo da tempo portato a compimento svariati incarichi (con gli esiti che di qui a breve verranno indicati e quindi con indiscusso vantaggio per il Comune di Lucera), i relativi compensi professionali non mi venivano liquidati, nonostante l’inoltro delle parcelle.
Pertanto, nell’autunno del 2014, di buon grado, recepivo l’invito dell’Assessore, Avv. Maria Barbaro, a recarmi presso il Comune di Lucera, per verificare insieme i compensi a me spettanti. Quindi, accolsi la sua richiesta non soltanto ad eliminare interessi e rivalutazione monetaria ma anche a ridurre gli importi ed a concedere una dilazione dei pagamenti di ben 3 anni (di fatto divenuti 4). E non posso omettere di ricordare che lo stesso Assessore, sia con post (facebook) del 24 gen. 2015, sia in Consiglio Comunale ebbe a ringraziarmi pubblicamente (“…il ringraziamento va anche ai creditori del Comune …in particolare ringrazio tutti gli avvocati – tra cui l’Avv. Donato Grasso che ha rinunciato ad un importo sostanzioso – che per il bene della città hanno anche ridotto le loro parcelle”).
D’altro canto, però, mi dolgo non tanto del fatto che siano stati divulgati sui social e in pubblica piazza dati riferibili alla mia persona, quanto del fatto che il Sindaco, nelle succitate occasioni, abbia sciorinato gli indicati dati in maniera ridondante e superflua, senza “doverosamente precisare che trattavasi di importi maturati in 20 anni di attività giudiziale”, senza specificare l’epoca in cui effettivamente erano maturate quelle somme e (soprattutto) senza specificare i benefici che aveva ottenuto il Comune di Lucera dal patrocinio dello studio legale dello scrivente. Tale omissione ha fatto sì che chi non era (e non è) a conoscenza dei fatti abbia soltanto “contato” quante volte veniva ripetuto il mio nome e le somme percette, senza minimamente immaginare da quanti anni quelle somme erano “certe, liquide ed esigibili” (come precisato dal Sindaco) e senza sapere a fronte di quali ottenuti vantaggi (per il Comune di Lucera) erano state liquidate.
Ed allora, necessita puntualizzare che, l’accordo transattivo, firmato 5 anni orsono con il Comune, ineriva al pagamento di 21 cause patrocinate in oltre 20 anni di attività professionale (le prime risalgono all’anno 1994 e mi vennero affidate dall’allora Commissario Prefettizio).
Dei 21 giudizi (il Sindaco ne ha “contati” di più elencando anche le fasi di appello e Cassazione) di seguito verranno indicati soltanto quelli di una certa rilevanza economica, omettendo i nominativi delle parti per ovvie ragioni di riservatezza.

1) Delib. Comm. Prefett. n. 678 del 10.8.1994 e di G.M. n. 9/2003 (appello): procedimenti conclusisi favorevolmente per il Comune di Lucera, con “risparmio” per il Comune di £ 68.909.190 (vecchie lire).
2) Delib. Commis. Prefett. n. 1307 del 30.11.1994: procedimento di esecuzione contro il Comune di Lucera sospeso in favore del Comune di Lucera, evitando l’assegnazione di circa £ 70.000.000.
3) Delib. Comm. Prefet. n. 1170 del 07.11.1994 e Delib. GM n. 7 del 04.01.2002 (appello): procedimenti conclusisi favorevolmente per il Comune di Lucera, con condanna della controparte e con “risparmio” per il Comune di £ 121.318.120.
4) Delib. GM n. 519 del 04.8.1999 (appello) e Delib. GM n. 64 del 20.02.2003 (Corte di Cassazione): procedimento conclusosi favorevolmente per il Comune di Lucera, con condanna della controparte e con “risparmio” per il Comune di £ 104.471.769.
5) Delib. GM n. 1924 del 21.12.1995 e Delib. GM n.315 del 28.9.2004. (riassunzione): procedimento conclusosi favorevolmente per il Comune di Lucera (sanzioni per abusivismo) con condanna della controparte al pagamento della somma di € 457.000,69 (capitale, interessi e spese legali).
6) Delib. GM n. 1886 del 26.11.1996 e Delib. GM n.299 del 24.9.2004. (appello). Quantificazione indennità di esproprio.
7) Delib. GM n. 34 del 14.01.1997 e Delib. GM n. 20 del 04.3.1998. procedimento conclusosi favorevolmente per il Comune di Lucera, con condanna della controparte e con risparmio di tutte le somme richieste a titolo di risarcimento danni.
8) Delib. GM n. 400 del 22.4.1998 e Delib. GM n. 406 del 02.10.2001 (appello): procedimento conclusosi favorevolmente per il Comune di Lucera, con condanna della controparte e con “risparmio” per il Comune di £ 173.034.186 oltre interessi e risarcimento del danno ex art. 1447 c.c.
9) Delib. GM n. 349 del 19.5.1999. Oppos. a d.i .respinta.
10) Delib. G.M. n. 232 del 10.5.2001 e Delib. GM n. 284 del 02.7.2009. Procedimento conclusosi favorevolmente per il Comune in 1º grado e con soccombenza parziale in appello.
11) Delib. GM n. 403 del 12.9.2001. e del. di G.M. n. 403 del 12.9.2001. In 1º grado il Comune (assistito da altro difensore) veniva condannato a pagare £. 1.208.176.800, oltre interessi e spese legali per complessive £. 1.822.350.380. In appello questo studio sostenne che l’indennità dovesse essere quantificata in £. 427.605.800, come in effetti poi riconosciuto dalla Corte di Appello di Bari, con sentenza n. 209/2003. Quindi, procedimenti conclusisi con “risparmio” per il Comune di circa £. 1.395.000.000.
12) Delib. Commis. Prefett. n. 129 del 07.5.2002. Opp. all’esecuzione definita con ordinanza.
13) Delib. G.M. n. 145 del 07.5.2004, procedimento conclusosi favorevolmente per il Comune di Lucera, con un risparmio di circa € 30.700 e con il rigetto di altre somme a titolo di risarcimento del danno.
14) Delib. G.M. n. 215 del 27.9.2005. Ricorso di valore indeterminato, conciliata stragiudizialmente e direttamente dal Comune.
15) Delib. G.M. n.126 del 22.5.2008 (n. 3 giudizi): a) Equo indennizzo. Cessata materia del contendere; b) Opposizione all’esecuzione definita transattivamente; c) Opposizione avverso pignoramento presso terzi definita transattivamente.
16) Delib. G.M. n. 82 del 16.3.2010. e Delib. G.M. n.171 del 23.7.2010. Accoglimento dell’opposizione. Procedimenti conclusisi favorevolmente al Comune.

Ne discende che il patrocinio del sottoscritto (congiuntamente ai collaboratori dello studio) ha comportato un indubbio vantaggio per il Comune di Lucera pari a £. 1.862.733.255 (vecchie lire) per le cause fino all’anno 2003 e di € 487.700 per le cause successive, oltre al rigetto delle varie richieste di risarcimento danni. E tanto senza considerare che le conseguite vittorie nei giudizi hanno evitato al Comune condanne che avrebbero aggravato ancor più la sua situazione debitoria. Non posso quindi sottacere lo stupore per quanto accaduto soprattutto perché per anni, a differenza di altri creditori, ho dovuto attendere il pagamento delle mie spettanze non comprendendo le ragioni del ritardo nella corresponsione. Va precisato che le cifre “sciorinate” dal Sindaco (maturate in ben 20 anni di lavoro) non soltanto erano comprensive di Iva e Cpa ma, in alcuni casi, anche di spese anticipate da questo studio legale per conto del Comune. La parziale diffusione della notizia ha offerto un’immagine distorta della realtà fattuale, ben rappresentata da un post di una Collega su facebook la quale ha evidenziato come “la gente abbia potuto pensare che ‘i nominati’ avevano arrecato chissà quale danno alle casse comunali ed è indecoroso nascondere che molte di quelle somme sono state pagate dal Comune di Lucera ad avvocati che hanno vinto cause dal valore esorbitante e che quindi hanno evitato l’insorgenza di ulteriori debiti per il Comune”. 
Trasparenza? Certo. Ma deve essere operata nella sua completezza.
Tanto per amore della verità».

(Comunicato stampa)

About Redazione AdessoilSud.it

Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>