Rocco Roggia

QUINTETTO INTERNAZIONALE AL SANTA CHIARA DI FOGGIA CONCERTO CON MUSICHE DI DVORAK

FOGGIA – Quintetto internazionale d’eccezione a “Fatti ad arte”, stagione concertistica targata Musicalis Daunia. Domenica 27 ottobre, alle 20.30, sul palco dell’Auditorium Santa Chiara di Foggia, si esibiranno per la prima volta insieme la nota violinista cino-canadese Cordelia Paw, il violista romano Francesco Peverini, e i pugliesi Rocco Roggia, anche lui violinista, Francesco Mastromatteo, violoncellista, e Leone Monaco, pianista. Cordelia Paw, primo violino di Rotterdam Sinfonietta, si sta affermando rapidamente anche in Europa come una musicista dalla rara sensibilità artistica. La sua ultima tournée l’ha vista impegnata come solista con l’integrale dei concerti per violino di Mozart accompagnata dall’Orchestre des Pays de Savoye in Francia, diretta da Sigiswald Kuijken.

Sabato sera sarà affiancata da Francesco Peverini, che suona  per alcune delle prestigiose società concertistiche internazionali ed è attualmente membro dell’Ensemble “PMCE”, gruppo in residence presso il Parco della Musica di Roma, nel quale ricopre il ruolo di Primo violino solista. Infine, dai foggiani Rocco Roggia, ventitreenne di riconosciuto talento, uno dei più promettenti tra i giovani violinisti italiani,  e da Francesco Mastromatteo, noto violoncellista e direttore artistico di Musicalis Daunia, e Leone Monaco, studente al Conservatorio “Umberto Giordano” di Foggia, talento emergente che si sta facendo apprezzare anche all’estero, vincitore di numerosi concorsi, tra cui il “Premio Corti di Capitanata 2019”. I cinque artisti dalla intensa attività concertistica in Italia e all’estero proporranno un programma che vede lo sfoggiare di tutta la sapienza compositiva e coloristica di Antonin Dvorak. Si partirà dal celebre quartetto “Americano”, che unisce alla struttura formale esuberante nelle soluzioni inaspettate i motivi della musica degli schiavi di colore e degli indiani d’America cui Dvorak dona la piena dignità artistica e dunque un prezioso riconoscimento sociale autenticamente rivoluzionario. A seguire il Quintetto op.81, un saggio di fusione del vitalismo ritmico delle danze boeme. Lo slancio entusiasmante del quintetto lo rendono erede dei capolavori precedenti di Schumann e Brahms, che accosta e a tratti supera anche nell’equilibrio della struttura. “Siamo riusciti a coniugare in un evento unico l’arte di musicisti affermati, con luminose carriere anche all’estero, a quella di un giovane interprete in una pagina musicale che richiede al pianista una straordinaria maturità esecutiva, e di cui, siamo convinti, il giovane Leone Monaco sarà di certo all’altezza”, commenta Elvira Calabria, presidentessa dell’associazione Amici della Musica di Lucera che è promotrice della stagione. Il concerto sarà trasmesso in diretta streaming sul sito di Musicalis Daunia (http://www.musicalisdaunia.com/live.asp) e dopo qualche ora  riproposto sulla pagina Facebook dell’associazione: Amicidellamusicapaisiello. L’ingresso al concerto è libero.

Per informazioni si possono contattare i numeri: 0881-708013 e 348-6502230 o scrivere all’indirizzo email info@musicalisdaunia.com.

Musicalis Daunia è un progetto della XXXVI stagione concertistica degli Amici della Musica di Lucera ed organizzato in collaborazione con L’Opera Bvs di Foggia. È realizzato con il contributo della Regione Puglia – “Patto per la Puglia 2014-2020 – Area di intervento IV – Turismo, cultura e valorizzazione delle risorse naturali”, il sostegno della Fondazione Musicalia della Fondazione dei Monti Uniti di Foggia e delle attività imprenditoriali del territorio attente alle iniziative musicali di qualità quali Nonsoloaudio e Clivio pianoforti.

 (Comunicato stampa)

About Redazione AdessoilSud.it

Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>