PIC_1265

COMUNICATO STAMPA M5S LUCERA: CHIEDIAMO TRASPARENZA SUL PREDISSESTO

70074241_2536181366402331_3776295195520270336_nRiceviamo dalla Consigliera Comunale del Movimento 5 Stelle Raffaella Gambarelli e pubblichiamo

LUCERA - Il 17 settembre alle ore 16:30 ci sarà il Consiglio comunale. L’unico argomento all’ordine del giorno previsto, riguarderà la Rimodulazione del vecchio Piano di Riequilibrio Finanziario Pluriennale (PRFP), deliberato nell’ottobre 2014 dalla prima Giunta Tutolo. Era stata garantita la convocazione di un consiglio monotematico sulle ragioni della bocciatura del Piano di predissesto, ma ciò non è stato fatto.

Abbiamo richiesto quanto meno di aggiungere l’argomento tra quelli all’ordine del giorno per il 17 settembre, e siamo ancora in attesa di risposta…

Per molti lucerini l’argomento risulterà nuovo, probabilmente non ne hanno MAI sentito parlare nonostante proprio questo strumento finanziario, dal 2014 ha governato, o meglio avrebbe dovuto governare, le finanze comunali. Eppure in questi anni i cittadini, pur chiamandolo con diverso nome, Predissesto, ne hanno subito gli effetti. Infatti, abbiamo vissuto ben cinque anni di lacrime e sangue, durante i quali moltissimi servizi sono stati tagliati o soppressi come quello di vigilanza, la tassazione e le tariffe sono state portate ai massimi livelli, l’organico comunale ridotto al lumicino, tanto da costringere i dipendenti a sopperire alla cronica mancanza di personale. Ebbene, tutti i sacrifici dei lucerini, sono risultati vani: questo hanno certificato ben SEI Giudici contabili, bocciando il Piano perché INCONGRUENTE. Dobbiamo rimarcare che la decisione della “nuova” Giunta Tutolo di rimodulare il Piano di predissesto, è un palese riconoscimento del fallimento di quanto fatto dal 2014 al 2019. Infatti, se si fosse trattato solo di un errore di giudizio dei Giudici baresi, che “non avrebbero saputo leggere i dati… le carte” (a detta di qualcuno), sarebbe stato sufficiente fare ricorso alle Sezioni Riunite della Corte a Roma… Invece, il ricorso ci sarà ma dovrà essere NECESSARIAMENTE accompagnato dalla nuova rimodulazione del Piano.

E’ come dire: siamo consapevoli di aver fallito, dateci una seconda possibilità. Nell’interesse della città, ci auguriamo che la Corte esprima la massima clemenza, accordando una nuova chance che eviti il DISSESTO; ma non possiamo tacere il giudizio politico, estremante negativo, su quanto fino ad oggi fatto, per più ordini di ragioni. In primo luogo, la mancata TRASPARENZA della precedente Giunta e del Sindaco che pur conoscendo già da diversi mesi le criticità del proprio operato (come risulta dalla relazione finale del Ministero del marzo 2019 e dai provvedimenti successivi della Corte), ha taciuto di fronte ad un’intera città, millantando di aver risanato le finanze, forse perché eravamo in campagna elettorale… Persino alla semplice domanda “quanti debiti sono stati realmente pagati nell’arco temporale 2014-2018?”, sono seguite risposte evasive, contraddittorie e confusionarie, tanto che la stessa Corte lamenta di non essere riuscita a venirne a capo. Infine, abbiamo il dovere di stigmatizzare l’atteggiamento della nuova Giunta, arroccata come la precedente nel dogma dell’infallibilità, tanto da impedire ogni tentativo di collaborazione da parte delle opposizioni, declassando, in questo modo, l’intero Consiglio comunale ad organo di mero avallo.

(Comunicato stampa)

About Redazione AdessoilSud.it

Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>