comune-lucera

COMUNICATO STAMPA PD LUCERA: IL COMUNE DI LUCERA È DI FATTO PRIVATIZZATO

Riceviamo dal PD Lucera e pubblichiamo

pd-luceraLUCERA – “Ieri un gruppo di esperti e di professori dovrebbero essersi recati al Castello di Lucera per pianificare una nuova progettazione per richiedere ulteriori finanziamenti per valorizzare la sua struttura. Il condizionale è d’obbligo perché non esiste alcuna comunicazione ufficiale o dichiarazione rinvenibile nel sito istituzionale o sulla stampa.  Ciò che invece è reperibile in quantità industriale sono i post pubblicati sui social da parte di esponenti e personaggi vicini all’amministrazione per celebrare l’evento.
Premesso che la notizia in sé è positiva, ci chiediamo però come si voglia amministrare una città omettendo di rendere pubblico il proprio operato e affidandosi dunque alle esternazioni di singoli. Perche non ci comunica con i cittadini utilizzando una interlocuzione ufficiale e autentica? Perché non è stata anticipata la presenza degli esperti in un comunicato?

Era un fatto riservato? Era coperto da segreto d’ufficio? Nelle scarne informazioni pubblicate non si capisce a quale finanziamento si vuole attingere. Cosa si vorrebbe finanziare. E a chi e come verrà conferito l’incarico di progettazione.
Ma un ufficio di relazioni con il pubblico perché non si attiva? Perché non si rispetta il dovere di trasparenza verso la città? Tra gli eletti ed il popolo vi è un atto di delega non di abdigazione. O il grande successo elettorale esonera dal dovere di informare?
E le forze politiche di opposizione come possono esercitare il controllo se vengono private della materia prima ovvero degli atti non solo deliberativi ma anche operativi di governo?”.

(Comunicato stampa)

 

About Redazione AdessoilSud.it

Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>