cremeria al duomo

VALENTINA FARINACCIO IN CREMERIA LETTERARIA IL 21 DICEMBRE

letterariaLUCERA - Cremeria Letteraria dedica la serata prenatalizia del 21 dicembre alle 20,30 alla scrittrice Valentina Farinaccio che presenterà il suo ultimo romanzo “Le poche cose certe” (Mondadori). Valentina Farinaccio è nata a Campobasso e da molti anni vive a Roma. Il suo primo romanzo, “La strada del ritorno è sempre più corta” (Mondadori, 2016), ha vinto il premio Rapallo Opera Prima, il premio Kihlgren, e Adotta un esordiente. Giornalista e critico musicale, scrive per “Il Venerdì di Repubblica”, e parla di musica su Radio Capital e Rai1.

“Le poche cose certe” (Mondadori), suo secondo romanzo, è uno di quei libri che quando lo prendi e lo inizi, poi non lo molli più fino a quando non l’hai letto tutto. Descrivere “Le poche cose certe” è più che difficile: l’autrice ha una scrittura così densa ed evocativa che l’unica cosa che si può fare è perdersi tra le sue pagine. La sua propensione al racconto non lascia scampo: imbriglia nella rete delle sue parole, nella bellezza delle immagini che descrive, nella fluidità con cui colora ogni personaggio rendendo i contorni sempre più marcati, definiti. In “Le poche cose certe” conosciamo Arturo, un uomo complesso, pieno di sfaccettature, difficile da raccontare dopo che Valentina Farinaccio l’ha fatto così bene nel suo romanzo. Converserà con l’autrice: Annaclaudia Bonghi. Nel corso della serata saranno esposte in Cremeria alcune opere degli artisti lucerini Agostino Di Cio, Cleonice Di Muro e Marisa Inglese. Al termine scambio di auguri con degustazione dei panettoni offerti da Terre e Gusti. Info e prenotazioni:3273509326 – 3470850970

(Comunicato stampa)

About Redazione AdessoilSud.it

Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>