lepprottino

CHE FINE HANNO FATTO LE FOTOTRAPPOLE?

PIC_0471-Copia 1Riceviamo e pubblichiamo dai consiglieri comunali di minoranza:  Simona Dell’Osso e Giuseppe Bizzarri

Ricordate i proclami del sindaco e di alcuni consiglieri comunali che su FB pubblicavano foto di nonnine con buste della spazzatura in mano, avvertendole che erano state beccate e che nei giorni successivi sarebbero state installate telecamere nei punti nevralgici della città, che avrebbero consentito di punire  i trasgressori  con multe salatissime? Ebbene, con delibera di giunta n 382 del 16.12.2016, l’amministrazione Tutolo ha disposto l’acquisto di 8 dispositivi portatili  “fototrappole”, per i quali sono stati spesi circa 4.000,00 euro.

Da una verifica eseguita però, risulta che le fototrappole sono inutilizzabili soprattutto nel centro abitato, in quanto i dispositivi acquistati possono essere installati solo nei boschi o nei luoghi dove non vi è un passaggio elevato di macchine, persone o animali. La stessa ditta che li ha forniti è rimasta esterrefatta dall’utilizzo improprio dei dispositivi, venduti per essere utilizzati solo nei boschi e nelle periferie. Attualmente, infatti, dopo svariati tentativi da parte della Polizia Municipale di metterli in funzione, sono stati posizionati nei “loro cartoni” dove ovviamente non fotografano nessun trasgressore. Un altro proclama dell’amministrazione rimasto lettera morta. E che dire degli orti urbani? Vengono irrigati con l’acqua potabile attinta dalla scuola Bozzini Fasani, che anziché servire solo alle necessità degli scolari, viene utilizzata per innaffiare insalate e peperoni al costo di circa 10.000,00 euro all’anno. Il consumo degli ortaggi è privato e viene fatto da chi, dopo regolare richiesta, ha avuto in concessione i terreni di proprietà del Comune di Lucera. Nonostante  il regolamento all’art 10 preveda che ciascun assegnatario debba provvedere alle spese di gestione del lotto assegnato, il sindaco ha deciso di agevolare alcuni a spese di tutti, facendo attingere l’acqua dalle condutture della scuola limitrofa ai terreni. Il sindaco, per risparmiare,  ha chiuso le fontane che davano refrigerio a tutti i cittadini e poi spreca denaro pubblico per fornire acqua a qualche assegnatario che, da questo omaggio, ricava gratuitamente ortaggi e verdure e  magari se li rivende pure. Lasciamo a voi ogni commento.

(Comunicato stampa)

 

 

About Redazione AdessoilSud.it

Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>