palazzo vescovile lucera

“SCULTURE ANGIOINE A LUCERA”. UNA MOSTRA AL MUSEO DIOCESANO

manifesto madonne - CopiaLUCERA – L’Ufficio Beni Culturali Ecclesiastici della Diocesi di Lucera-Troia, l’Associazione Culturale “Terzo Millennio” e il Distretto Culturale “Daunia Vetus” sono lieti di invitare la cittadinanza mercoledì 12 agosto 2015 alle ore 20, presso il cortile del Palazzo Vescovile, all’inaugurazione della mostra “Sculture Angioine a Lucera”. Con l’occasione tornerà in esposizione, presso il Museo diocesano del Palazzo vescovile di Lucera, la pregevole scultura in pietra della Madonna detta “del Melograno”, il cui restauro è stato da poco ultimato a cura della Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio per le Province di Bari, BAT e Foggia.

Ricavata da un unico blocco lapideo, l’opera, databile nella seconda metà del XIV secolo, mostra una Vergine seduta su un trono privo di spalliera, in posizione frontale, nell’atto di sostenere sul braccio sinistro il Bambino e di reggere nella mano destra una melagrana, frutto dai molteplici significati simbolici. Maria, dalle forme massicce e dal volto squadrato, è vestita di una tunica le cui pieghe si aprono a ventaglio verso il basso e di un mantello i cui lembi, accavallandosi sulle ginocchia, generano profonde pieghe concentriche.

Il volto è incorniciato da un corto velo ricadente sulle spalle e trattenuto sulla testa da una corona adorna di gigli stilizzati. Lo sguardo dei grandi occhi spalancati è teneramente rivolto al Bambino, un pargoletto nudo dalla chioma riccioluta che, con la mano destra, afferra un lembo del velo materno, alla ricerca di un sicuro appiglio nel suo gioioso, infantile sgambettare.

La mostra, che segna l’inizio delle tradizionali giornate del “Ferragosto lucerino”, ospiterà anche altre sculture di Madonne angioine, di cui si ignora quale sia stata l’originaria collocazione. All’introduzione di Mons. Luigi Tommasone, Direttore dell’Ufficio diocesano dei Beni Culturali Ecclesiastici della Diocesi di Lucera-Troia, seguiranno l’attesa relazione del professore di Storia dell’Arte medievale Marcello Mignozzi (“Storie di Pietra: le Madonne angioine nella Luceria Civitas Sanctae Mariae“); l’intervento dell’iconografa Antonella Calò (“Riflessi di un silenzioso racconto”) e le conclusioni del Vescovo di Lucera-Troia, S.E. Mons. Domenico Cornacchia. Al termine della presentazione il Museo diocesano di piazza Duomo rimarrà aperto ai visitatori fino alle ore 24.

(Comunicato Stampa)

About Redazione AdessoilSud.it

Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>